01 Ottobre 2020
Eventi
percorso: Home > Eventi > eventi

"Uniti in campo nel nome di Roberto"

18-06-2012 / 25-06-2012 - eventi
Lun
18
Giu 2012
orario: Ore 16,00
dove: Campo "N. Tomassini" Valmir di Petritoli

Fermo, 25 giugno 2012 - UN POMERIGGIO intriso di sentimento ed emozione al campo sportivo ´Tomassini´ in memoria di Roberto Straccia, per un quadrangolare di calcio organizzato dagli amici di Roberto, dalla Spes e dalla stessa famiglia.

Un´occasione in cui il ricordo diviene emozione tangibile che esalta e nobilita il senso della vita, che porta a contemplare nuovi e più ampi orizzonti, a calarsi ognuno nel proprio personale ricordo di Roberto, e a considerare la vita sotto una prospettiva di luce e dolore. Quattro le squadre che si sono affrontate: la Spes Valdaso, la Monterubbianese, i ragazzi delle classi ´86-´87-´88 — tutti con un passato calcistico legato a Roberto — e la squadra costituita da giocatori ed ex giocatori professionisti che hanno sposato la causa del ricordo di Roberto. Presenti numerose autorità civili e militari.

Toccante la testimonianza di Amato Mercuri, sindaco di Moresco. «Questa giornata testimonia la straordinarietà dell´affetto per Roberto — ha detto —. Onoriamolo come lui avrebbe voluto: con lo sport». Il presidente della Spes Fabrizio Sanguigni, rivolgendosi alla famiglia Straccia, ha detto: «Questa è la casa dove Roberto è cresciuto e continuerà ad esserlo per sempre. Da oggi la tribuna si chiamerà Roberto Straccia». E poi tante le testimonianze di vicinanza alla famiglia. Claudia Aldi, giornalista Rai, ha ricordato il tempo in cui si cercava Roberto a Pescara, fatto di albe e tramonti, nella speranza di riabbracciare questo ragazzo che ha emozionato l´Italia intera, ad aspettare un lieto fine che purtroppo non c´è stato. Presenti i giornalisti Valerio Rosa del Carlino e Remo Croci. Tra i giocatori, Pazzi della Samb, mister Palladini, gli ex Ascoli Bugiardini, Di Venanzio, Cudini, Bonfiglio e La Vista.

EMOZIONANTE il momento della consegna della maglia di Di Vaio a Filippo, zio di Roberto, da parte di Lorenzo Pompei. In tribuna papà Mario, mamma Rita e Lorena, ascoltano e vivono la responsabilità del dolore, con la pace di chi sa guardare verso l´assoluto, che sempre proclama l´esigenza del buono. «E´ difficile contenere le lacrime — dice Mario — ma essere qui significa stare anche con lui». La dignità degli Straccia che affonda le radici nel più atroce dolore, mai separato dalla logica, continua ad essere grande esempio di responsabilità e fede. «Ho cercato tanto la candela del battesimo di Roberto — prosegue Mario —. Credo in quella luce che non si è mai spenta e che sono certo indicherà il cammino per trovare la verità di una morte che non ha ancora una spiegazione». E poi ancora la musica e le parole di Daniele Incicco e Federica Girotti, a far risonare interiori armonie con la potenza del suo incanto, che diviene rifugio di sentimento e festa d´amore per Roberto, e certezza assoluta che nella lotta perenne tra il bene e il male, la bugia e la verità, la gioa ed il dolore, l´ultima parola spetterà sempre all´amore.

Paola Pieragostini

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account